Il meglio (e il peggio) del 2011 in musica

E’ tempo di classifiche di fine anno e, anche se mancano ancora una manciata di giorni (e una manciata di uscite), non potevo esimermi dal compilarne una. Quest’anno ho suddiviso la mia in tre parti: i 25 migliori dischi del 2011, le 5 (ok, 6) migliori ristampe e i 10 peggiori. I criteri adottati, per chi mi conosce, rimangono gli stessi: una panoramica su quello che la musica ha di meglio e di nuovo da offrire, in termini di idee, sviluppo e freschezza. Vale chiaramente il discorso opposto, e per questo motivo si trova Peter Gabriel tra i 10 dischi peggiori: il suo New Blood, valga a titolo di esempio lampante, è stantio, riciclato e — di conseguenza — non mette sul piatto nessuna idea e nessuna evoluzione, con l’aggravante del nome del titolare dal quale ci si è sempre aspettata qualcosa in più.

I 25 migliori dischi del 2011:

1. Grouper – A I A (No label)
2. Peter Evans Quintet – Ghosts (More Is More)
3. Radu Malfatti/Keith Rowe – Φ (Erstwhile)
4. Jim O’Rourke – Old News #5 (Editions Mego)
5. Pulsinger/Kurstin/Jeffery/Heggen – Besides Feldman (Col Legno)
6. Heatsick – Intersex (PAN)
7. Bill Orcutt – How The Thing Sings (Editions Mego)
8. Sun Araw – Ancient Romans (Sun Ark)
9. Matana Roberts – Coin Coin Chapter One: Gens de Couleur Libres (Constellation)
10. Tinariwen – Tassili (Anti Records)
11. Stephan Mathieu – A Static Place (12k)
12. Vladislav Delay Quartet – Vladislav Delay Quartet (Honest Jon’s)
13. Fabio Selvafiorita/Valerio Tricoli – Death By Water (Die Schachtel)
14. Wadada Leo Smith – Heart’s Reflections (Cuneiform)
15. Tom Waits – Bad As Me (Anti Records)
16. Tim Hecker – Ravedeath, 1972 (Kranky)
17. Ellen Fullman – Through Glass Panes (Important)
18. Eliane Radigue – Transamorem – Transmortem (Important)
19. Pj Harvey – Let England Shake (Island)
20. Cornelius Cardew – The Great Learning (Bolt)
21. Moritz Von Oswald Trio – Horizontal Structures (Honest Jon’s)
22. Hype Williams – One Nation (No label)
23. Queensryche – Dedicated To Chaos (Roadrunner)
24. Deerhoof – Deerhoof vs. Evil (Polyvinyl)
25. The Necks – Mindset (Recommended Records)

Ristampe:

1. Lee ‘Scratch’ Perry – The Return of Pipecock Jackxon (Honest Jon’s)
2. Christian Wolff – Kompositionen 1950-1972 (Edition RZ)
3. Throbbing Gristle – 20 Jazz Funk Greats (Industrial)
4. Various – PRES Revisited Josef Patkowski in Memoriam (Bolt) (tecnicamente questa è una ristampa solo a metà: il secondo disco, infatti, è composto da rivisitazioni inedite di alcune delle tracce della prima parte)
5. Gruppo NPS – Nuove Proposte Sonore 1965-1972 (Die Schachtel)
6. Eliane Radigue – Geelriandre/Arthesis (Senufo)

I 10 peggiori:

1. Current 93 – HoneySuckle Aeons (Coptic Cat)
2. Sand Circles – Midnite Crimes (Not Not Fun)
3. Brian Eno – Drums Between The Bells (Warp)
4. Peter Gabriel – New Blood (Real World)
5. Jakko Jakszyk, Robert Fripp & Mel Collins – A Scarcity of Miracles: A King Crimson ProjeKct (Discipline Global Music)
6. Neon Indian – Era Extrana (Static Tongues)
7. Tori Amos – Night of the Hunters (Deutsche Grammophon)
8. Ricardo Villalobos & Max Loderbauer – Re: ECM (ECM)
9. Fire! with Jim O’Rourke – Unreleased? (Rune Grammofon)
10. Master Musicians of Bukkake – Totem Three (Important)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *