Agosto 28, 2014

Dal mondo, del mondo, quelle cose lì.

World music. Oppure: visione tipicamente occidentale di cosa sia la world music. Del resto anche Toto Cutugno da Amoeba dischi è world music. Ancora: musica dal mondo (musica del mondo?) filtrata dalle orecchie di chi si considera il centro (al centro?) del mondo; in un certo senso adattata a questo fittizio centro del mondo, come si adattano i dialoghi delle serie tv al paese in cui vengono trasmesse.

Possiamo stare qui ore a discutere della world music così come negli anni ’80 la Real World di Peter Gabriel l’ha resa famosa. Ma è tempo sprecato, per capirlo basterebbe mettere su uno qualunque dei dischi del suo catalogo.

Io, nel frattempo, l’ho ordinato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *