Il punto e virgola secondo Adorno.

Il punto e virgola (;) è, tra tutti i segni di interpunzione, quello più bistrattato. In molti hanno scordato il suo vero utilizzo, col rischio di usarlo a casaccio; altri, invece, ne lamentano (|) da tempo (||) la progressiva (|||) scomparsa (||||), dovuta all’epoca dei pezzi brevi e di una certa normalizzazione della scrittura per web anche nella forma di long-reading.

Maria Popova su Brainpicking, nel fare gli auguri di buon anno (sarebbe stato il centoundicesimo) al filosofo tedesco (e re della musicologia impegnata e, aggiungo maliziosamente, dannosa) Theodor W. Adorno, tra i capostipiti della scuola di Scuola di Francoforte, ripesca Punctuation Marks, saggio scritto nel 1956 sul corretto utilizzo della punteggiatura. Un paragrafo è dedicato anche al famigerato punto e virgola, del quale Adorno già all’epoca lamentava la scomparsa definendola — scrive Popova — «una grave perdita per il talento della scrittura»:

Theodor Haecker was rightfully alarmed by the fact that the semicolon is dying out; this told him that no one can write a period, a sentence containing several balanced clauses, any more. Part of this incapacity is the fear of page-long paragraphs, a fear created by the marketplace — by the consumer who does not want to tax himself and to whom first editors and then writers accommodated for the sake of their incomes, until finally they invented ideologies for their own accommodation, like lucidity, objectivity, and concise precision. Language and subject matter cannot be kept separate in this process. The sacrifice of the period leaves the idea short of breath. Prose is reduced to the “protocol sentence,” the darling of the logical positivists, to a mere recording of facts, and when syntax and punctuation relinquish the right to articulate and shape the facts, to critique them, language is getting ready to capitulate to what merely exists, even before thought has time to perform this capitulation eagerly on its own for the second time. It starts with the loss of a semicolon; it ends with the ratification of imbecility by a reasonableness purged of all admixtures.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.