Essere dark nel 1982

A proposito della sottocultura dark — o gothic, come è conosciuta in tutto il mondo tranne che in Italia. In questo spezzone, tratto dal documentario Another State Of Mind, Valerie racconta cosa vuol dire (voleva dire?) essere una dark per lei nel 1982:

Penso che le persone dovrebbero scoprire se stesse in un modo che esprima quello che provano. È per questo che i miei capelli sono così; ed è per questo che trucco la mia faccia in questo modo. Perché, alla fine, mi sembra che la cosa a cui somiglio di più sia la morte. Credo che alcuni trovino questo repellente. Ma credo anche che altri lo trovino sexy e attraente.