Necrologi.

Scrive il Miami Herald in uno dei più belli obituaries apparsi dopo la morte di Fidel Castro:

Pochi i leader di nazioni ad aver ispirato una fedeltà così intensa – o un così straziante sentimento di tradimento. Pochi ad aver scaldato i cuori dei giovani irrequieti come ha fatto Castro quando da giovane; e pochi sono sembrati così irrilevanti come lo è stato Castro da vecchio: l’ultimo comunista, aggrappato a quel vuoto e decrepito angolo di mondo che era diventata Cuba sotto il suo dominio.