Autarchia musicale.

Sulla proposta di legge che vorrebbe introdurre anche in Italia, così come già in Francia, una quota del 30% di musica italiana nella programmazione radiofonica, interviene risolutivamente Gino Castaldo dalle colonne di Repubblica: [18.02.2019, p.1]:

Basta dare un’occhiata al sito EarOne che mostra le classifiche dell’airplay radiofonico, ovvero della frequenza con cui i pezzi vengono mandati in onda, e si scopre che nella ultima classifica settimanale, ben dieci su venti sono italiani. Si potrebbe giustamente pensare che in questa settimana c’è stata la spinta dell’effetto Sanremo, ma se si va alla settimana precedente la quota scende di appena un punto: nove su venti sono italiani. Per maggiore sicurezza andiamo a guardare la media annuale. Nella top 100 dell’intero 2018 ci sono ben 49 pezzi italiani, quasi il 50%. Anche le classifiche discografiche e di streaming parlano di una netta supremazia della musica italiana su quella straniera, segno di un momento felice che avrebbe bisogno di politiche accorte, più che di scelte forzatamente autarchiche.