Archivio tag: cassette store day

Back from the grave

hometaping

Occorre immediatamente fare argine — culturale, battagliero, quello che volete — contro il ritorno delle musicassette.

The cassette is the embodiment of planned obsolescence. Each time you play one it degrades. Bad sound gets worse. Casings crack in winter, melt in summer. Inescapably, a cassette tape unspools: It’s only destiny. Fine, death comes to us all. But just because we can anthropomorphize a gadget doesn’t give it a soul. [x]

Qualche settimana fa girando tra gli scaffali di un negozio di dischi mi è capitata sotto mano una cassetta degli Arcade Fire. Non mi sono nemmeno dato la pena di cercare in rete che razza di prodotto fosse, non valendone affatto.

Ora, capisco le micro-label che da tempo — fosse anche solo un mese, una settimana — hanno deciso di investire in una nicchia, dimostrando per altro una certa visione manageriale che in quella nicchia individua una terra da lavorare; capisco chi ne fa una questione di nostalgia e seguita a duplicare su cassetta i compact disc, o gli ellepì, o gli mp3 scaricati da internet per poter ascoltare la musica sul vecchio stereo della macchina; capisco il giovane artista che ne fa un ricco premio da regalare ai fan più cari o agli amici più stretti; capisco anche l’hipsterismo a braccetto col modernariato che ha prodotto disastri nelle sinapsi di qualche essere umano. Capisco tutto questo. Ma siamo spietati e cinici: chiunque prenda sul serio il ritorno della musicassetta sta producendo seri, serissimi, danni alla musica inondando il mercato di spazzatura della quale non si sente alcun tipo di bisogno.