Archivio tag: mappe

La mappa della segregazione razziale negli Stati Uniti.

la mappa di Detroit (immagine di Dustin Cable)

la mappa di Detroit (immagine di Dustin Cable)

Nel 2012 si è verificato il minor grado di segregazione razziale negli Stati Uniti dal 1910 — il che non vuol dire, ovviamente, che sia sparita la segregazione razziale.

Una mappa esaustiva, la prima nel suo genere a comprendere sia il dato della distribuzione etnica sia la rappresentazione di ogni singolo cittadino, è stata sviluppata da Dustin Cable all’Università della Virginia. 308.745.538 di puntini (uno per ogni cittadino), per un totale di dati visuali dal peso di 7GB.

I puntini blu rappresentano le persone bianche, quelli verdi gli afro-americani, in rosso gli asiatici, in arancione i latino americani e in marrone tutte le altre etnie prese in considerazione dall’ufficio del censimento americano.

(via Wired.com)

Lost in the city.

Sull’Atlantic c’è una lunga intervista a Michael Jones di Google, in cui si discute dell’evoluzione delle mappe e di come queste saranno sempre più parte integrante della nostra vita. E’ quel genere di cose che quando leggo, un po’ rimango sorpreso come un bambino e un po’ m’immagino la scena di me che passeggio, qualcosa mi trilla nella tasca e mi spavento a morte:

Then when you’re walking around, say in Washington, D.C., the phone will buzz and say, “You are 25 feet from an accurate map of 2,700 solar objects. If you go over there to the Einstein Memorial, you can see them.” Or you might be walking down the street and it will beep and say, “The rowhouse one block to the left is the No. 1–rated Greek restaurant within 500 miles,” or maybe: “Around the corner behind you is where a scene from your favorite movie was filmed.” It is using your location to search in a database of “interesting things,” and it learns what kinds of things you care about. It means having your life enlightened by travel knowledge, everywhere, or getting to walk around with local experts who know your tastes, wherever in the world you go.