John Perry, La Nobile Arte del Cazzeggio (Sperling & Kupfer, 2013)

Arte del cazzeggio.indd

Non è difficile comprendere il motivo della scelta di cambiare la parola chiave del titolo nella traduzione italiana, e trasformare così il verbo “procrastinare” nel più maramaldo “cazzeggiare”. Fatto sta che “La Nobile Arte Del Cazzeggio” (che in inglese non è nemmeno “nobile” ma è solo “The Art of Procrastination”) di John Perry — appena uscito per i tizi di Sperling & Kupfer — parla dei procrastinatori professionisti, non dei cazzeggiatori. La differenza c’è e non è affatto sottile, nonostante il marketing editoriale trovi che il verbo “procrastinare” non titilli le papille gustative dell’italiano in gita in libreria avvezzo di suo a sognare una vita intera di fannullismo e in cerca di una scusa per la realizzazione dei suoi sogni. Procrastinare significa rimandare qualcosa ma non è affatto detto che, nel tempo guadagnato, si debba rimanere con le mani in mano: ci sono milioni di altri compiti che si possono fare e possono essere altrettanto utili (se non di più) della cosa rimandata.

Il libretto, che ieri ho comprato e letto tutto d’un fiato, è collocato dai librai di casa nostra tra i manuali di self-help — quei tediosi libri ai quali i depressi e gli insicuri (due categorie editorialmente forti) si aggrappano con tutte le forze — pur non collocandosi affatto in quel genere. John Perry è un filosofo e la parte centrale del libro, quella dedicata al particolare tipo di procrastinatore definito “strutturato”, era già edita come il frutto di una ricerca filosofica pubblicata sulla rivista di satira scientifica Annals of Improbable Research, oltre che come il risultato della procrastinazione dell’autore stesso.

Ma in cosa consiste questa procrastinazione strutturata? Primo, nel non sentirsi affatto in colpa quando si rimandano i lavori; a patto però — e qui sta il trucco — che nel frattempo si faccia altro, secondo una scala di priorità che, mettendo in cima alla lista i lavori più importanti e difficili, fa sì che nel frattempo prima della loro realizzazione si possano eseguire altri compiti in sostituzione (per alleviare, appunto, il nostro senso di colpa). Col risultato che, prima o poi, tutto ciò che c’era da svolgere sia stato svolto. Quando va bene, poi, può capitare che quel compito così costantemente rimandato non sia più da svolgere.

Per il lettore abituato a ragionare con questi criteri, la lettura risulterà semplice oltre che appagante. Ma vengono analizzate, all’interno del libro, anche le motivazioni che portano i perfettini, gli ordinati (secondo una struttura di tipo “verticale”) ad odiare così tanto i procrastinatori, sebbene non è detto che tra una partnership dei due tipi non escano risultati buoni se non ottimi.

Il punto di partenza è vecchio e abusato: l’essere umano non è poi così razionale nei suoi comportamenti come si vorrebbe — e come lo si descrive. Tuttavia il tono di Perry nel sviluppare la sua teoria, snocciolata con una certa dose di surreale ironia, non è mai quello del maestrino. Anzi. Gli esempi portati a sostegno delle proprie tesi lo rendono un libello interessante anche per chi solitamente inizia a sbadigliare alla seconda sillaba di “filosofia”.

Il potente ufficio stampa dell’editore sta riuscendo nell’impresa di far parlare di questo testo in ogni dove. Meglio di tutti, come spessissimo le capita, ne ha scritto Annalena Benini nella sua “lettera rubata” sul Foglio dello scorso sabato. Tuttavia mi preme sottolineare che nel mio Kindle il libro l’ho infilato con i soldini miei (tanti, troppi come al solito per un ebook). Per cui, se pensate che queste righe costituiscano una marchetta poco o tanto remunerata fatelo pure, ma sappiate che lo è solo in potenza per un futuro pieno di copie promozionali (così mi gioco del tutto la possibilità e la facciamo finita).