Archivio tag: Renzi

Un processo tipico delle società di massa

Matteo-Renzi

Antonio Polito sul Corriere della Sera analizza in un editoriale quelli che secondo lui sono «i due pesi e le due misure» che il premier Matteo Renzi adotta quando si tratti di salvare, o far finta di non chiederne le dimissioni, un ministro, un sottosegretario o qualche altro personaggio di spicco del mondo politico. Il casus belli è quello delle dimissioni dell’ex ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi. Secondo Polito si è passati dal giustizialismo di certe procure che condizionavano il mondo politico — e dunque le sue scelte — ad un giustizialismo che, questa volta, è condotto in nome dell’umore del popolo, che Renzi è abilissimo ad intercettare. A farne le spese, come sempre, è il garantismo. Concludendo l’editoriale, Polito sottolinea come quello di seguire l’umore del popolo sia

un processo tipico delle società di massa, ma pieno di incognite. Se infatti un’intercettazione è più importante di una sentenza, e diventa decisivo se farla conoscere o no, per riassunto o testuale, e il momento dell’inchiesta in cui la si rende pubblica, allora rischiamo che la lotta politica condizioni il corso della giustizia, invece che la giustizia influenzi la politica come avveniva vent’anni fa. Un giustizialismo alla rovescia, esercitato dalla piazza invece che dal tribunale. Non so se è meglio. Fu una piazza a salvare Barabba e a mandare a morte Gesù.

Pretesti.

Il costituzionalista Michele Ainis sul Corriere della Sera prende di mira con mille ragioni la malattia che sta contraddistinguendo il governo Renzi: presentare non delle leggi ma dei «pretesti»:

Le prove? Sono conservate nei verbali del Consiglio dei ministri. Scuola: annunci al quadrato e al cubo durante i geli dell’inverno, finché il 3 marzo sbuca la notizia: il governo ha approvato le slide , evidentemente una nuova fonte del diritto. In compenso 9 giorni dopo approva pure un testo, che però è più misterioso del segreto di Fatima.O della spending review : difatti i report di Cottarelli non sono mai stati resi pubblici. Riforma della Rai: batti e ribatti, poi il 12 marzo via libera alle linee guida, altra nuova fonte del diritto. Falso in bilancio: sul Parlamento incombe da settimane l’emendamento del ministro Orlando. Nessuno l’ha letto, forse perché lui non lo ha mai scritto. Jobs act:il 20 febbraio il Consiglio dei ministri timbra due schemi di decreto, le commissioni parlamentari competenti non li hanno ancora ricevuti . E via via, dal Fisco (il 24 dicembre venne approvato un comunicato, non un testo) alla legge di Stabilità (che si materializzò una settimana dopo la sua deliberazione, peraltro senza la bollinatura della Ragioneria generale).

Un paio di pensierini non richiesti su Veltroni e il Pd.

La domenica non bisognerebbe fare annunci epocali. Nemmeno riedizioni di annunci epocali, come quello che ha fatto Walter Veltroni oggi: “non mi ricandiderò alla Camera”. Non ha specificato, questa volta, se andrà o meno in Africa, e sinceramente poco ci frega. Però pare essere la notizia del giorno, quella su cui domani molti giornali faranno le aperture — ecco perché, Walter, annunci del genere non vanno fatti la domenica: chi mai li legge i giornali il lunedì?, e tanto più che oggi nemmeno c’era il campionato. Vabbé.

L’annuncio è però di quelli ghiotti, e forse val la pena agganciarsi ad esso e azzardare due righe due sullo stato del Pd. Rubricare affettuosamente il tutto sotto la voce “consigli non richiesti”, anche se non si tratta di consigli, ma di semplici pensierini.

La storia è questa. Veltroni è un uomo che, politicamente, avrà anche tanti demeriti, e non lesino dal riconoscerglieli tutti. Però, va detto, ha anche un grande merito: l’aver provato realmente a dare una veste nuova alla sinistra italiana, per via di quel Pd a “vocazione maggioritaria” da lui progettato che ha avuto come enorme e unico risultato quello di tenere fuori i comunisti dal parlamento italiano per la prima volta. Ah, dimenticavo: quella volta il Pd, che certo le aveva prese sonoramente da Berlusconi, stava intorno al 32% su scala nazionale, e cioè cifre per le quali alle prossime elezioni Bersani si giocherebbe anche la casa. Bene, oggi Veltroni dice che non si ricandiderà più. Sì, lo so, l’aveva già detto e poi abbiamo visto come è andata a finire. Non ricordo quella volta, ma questa volta il motivo per cui l’ha detto è semplice: Massimo D’Alema, ovvero il suo arcinemico di sempre, ha fatto intendere che col piffero che non si ricandiderà più, lui, anche se è in parlamento da una vita, per la semplice ragione che lui i voti li ha e chissenefrega (il testuale era sottilmente diverso, ma il significato drammaticamente identico).

Ed è qui che arrivo alle osservazioni sul Pd di oggi, tanto diverso da quello che fu di Veltroni. Un partito che è governativo, facendo parte della “strana maggioranza” che appoggia il governo Monti, ma che sta conducendo una campagna elettorale manco fosse il più arcigno tra i partiti all’opposizione, perché ha paura che un Vendola o un Di Pietro (e, certo, un Grillo) gli rubino voti. Un partito che ha, fortunatamente dal punto di vista moderato, mandato all’aria un’alleanza politica con i centristi perché la vecchia base comunista aveva mugugnato (e poi per il motivo dei voti portati via di cui sopra), ma che ha abbracciato Vendola (per lo stesso motivo di cui sopra, ancora) relegando a una sola riga e mezza morsicata nella carta degli intenti la sua attività governativa di oggi. Il Pd di oggi è un partito che ha ristabilito quell’alleanza che, con ogni probabilità, riporterà l’estrema sinistra nel parlamento italiano.
Soprattutto un partito che — e qui siamo all’assurdo — sembra schifare i voti che potrebbero arrivare dai simpatizzanti di Renzi, perché che il sindaco di Firenze vinca le primarie evidentemente non è possibile, non deve succedere e poveri noi. Allora si cerca di impedire che ciò possa avvenire complicando la vita, e obbligando l’eventuale simpatizzante di Renzi che mai ha votato a sinistra (ma che, attenzione, questa volta potrebbe pure farlo), a iscriversi ad un registro in cui dichiara la sua appartenenza a quello schieramento ancora prima che il suo eventuale candidato vinca alcunché. Ditemi voi se questo è l’atteggiamento di un partito come quello Democratico, o non più quello di un club di taglio e cucito nato un mese fa e che ora è deciso nell’azione di scendere in politica. E’ la prima volta, a memoria, che un partito non vuole prendere i voti di chi la volta precedente ha votato da un’altra parte. Roba che a raccontarla nelle scuole di formazione politica non si direbbe che è farina proveniente dal sacco di quadri formati alle Frattocchie.

Il fatto è che questi ci credono. Cioè, Bersani crede davvero di poter essere il prossimo Presidente del Consiglio italiano. E di poterlo fare in alleanza con Vendola, cioè con la Cgil. E, statene certi, tra un po’ arriverà anche Di Pietro, ovvero il peggior giustizialismo italiano. A me sembra tanto una riedizione dell’Unione prodiana, dove erano una decina a decidere l’agenda del governo, e sono stati i due peggiori anni della storia repubblicana italiana. Ma io, dico, io sono un esponente del “campo avverso”, per dirla con il ritirante Veltroni.