Archivio tag: replacements

Bastards of young

Con un tempismo e un senso del marketing assai discutibile (era la stessa sera dei VMA’s e del balletto di Miley Cyrus che da giorni tiene banco sulla stampa, incredibilmente solo su quella estera), i Replacements hanno tenuto il loro reunion show a Toronto, Canada.

Spiegare, al giorno d’oggi, chi siano i Replacements ad un ventenne è impresa alquanto ardua. Si potrebbe iniziare col dire, ad esempio, che i Replacements erano uno di quei gruppi che oggi non esistono più. Forse non erano il gruppo ‘alternative rock’ per eccellenza, ma erano tra quei tre-quattro non di più che potevano fregiarsi di tale titolo. Erano mainstream senza davvero esserlo, ma col tempo sono riusciti a guadagnarsi tutto il rispetto e la considerazione che si meritano.

C’era anche un po’ di sano antagonismo con un altro gruppo che aveva suppergiù la loro stessa storia: gli Husker Du. Alla fine, però, piacevano entrambi e la competizione era più di facciata che altro (“here, sitting in my room, with The Replacements and Husker Du” cantavano i Wildhearts).

Primi passi come gruppo punk (all’americana: non riesco però a definirli hardcore), e ultimi come gruppo college rock — che si siano fermati laddove hanno iniziato i Pixies? Uhm.

Due dischi fondamentali, Let It Be (1984) e Tim (1985), e grandissimo impatto su tutta la scena grunge che sarebbe esplosa dopo una manciata di anni a Seattle. Mica per niente, infatti, il leader Paul Westerberg è stato chiamato per la colonna sonora del film culto di quell’epoca, Singles, nella quale appare spesso e volentieri anche il tema della loro classicissima “Bastards of Young”.

Tutto questo per dire che chi se li fosse persi l’altra sera (era il 25 agosto, repliche a Chicago il 15 settembre e a Denver il 21) può riascoltare la registrazione che è stata pubblicata con il loro placet attraverso il progetto Live Archive Project. E’ una registrazione dal pubblico, sebbene la qualità non sia delle migliori; e alcuni brani suonano un po’ moscetti, ma d’altronde Westerberg è ormai l’archetipo del middle-aged rocker.