Trojan, che si dipingeva il volto come fosse un Picasso.

Princess Julia è una delle più celebri reduci della scena dei club londinesi degli anni ’80. Dj, giornalista, music editor della bibbia i-D, ha avuto anche un momento di celebrità al di fuori del circuito londinese come protagonista del video di “Fade To Grey” dei Visage. Proprio sull’ultimo numero di i-D (The Role Mode issue, no. 321, fall 2012) ha scritto dell’imminente mostra che l’ICA di Londra ha dedicato a Trojan (“Works on Paper”, fino al 18 novembre). Trojan, pseudonimo col quale era conosciuto Gary Barnes, era uno dei personaggi più eccentrici e geniali apparsi negli anni Ottanta nei circuiti più cool della capitale del Regno Unito. I suoi innumerevoli travestimenti, e il suo lavoro artistico, purtroppo non hanno avuto il giusto merito che spettava nel resto del mondo.

Cercando in rete mi sono imbattuto in questo bellissimo articolo, pubblicato nel 1986 immediatamente dopo alla sua morta per overdose, nella ormai defunta The Face. Merita una lettura, per capire che personaggio fosse Trojan, e quale eredità ha lasciato la sua breve, ma intensa, meteora.