Nessuno sapeva bene cosa fosse successo quel giorno.

Io quel giorno me lo ricordo bene. Tutti ci ricordiamo bene di quel giorno.

Non so perché, ma le scuole non erano stranamente ancora ricominciate e il pomeriggio l’avevo passato in un negozio del centro di Milano con un mio amico. Siccome di certi eventi ci si ricorda sempre di tutto, anche dei minimi particolari, ricordo che nonostante facesse un caldo boia avevo le Dr Martens ai piedi. Tornai a casa ignaro di tutto — internet c’era già ma eravamo in epoca pre-Facebook, Twitter, YouTube e anche pre-smartphone — e mentre scendevo dall’autobus mi venne incontro mio fratello, ai tempi un bambino. La fermata dell’autobus e casa mia distavano 10 metri: nel senso che la fermata era dall’altra parte della strada. Perciò mio fratello vedendo il pullman arrivare mi corse incontro, gridando: «Non sai cosa è successo… Hanno dichiarato guerra all’America».

Il resto della giornata lo passai, come tutti, in silenzio davanti alla televisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.