L’arte può essere tua.

Bill Hayes sul New York Times racconta di come possiamo posseredere, sentire come nostra, un’opera d’arte allo stesso modo in cui sentiamo nostra una canzone di cui ci innamoriamo. Questa strana forma di possesso, difficile da definire ma immediatamente comprensibile una volta che lo si è provato, non è gratuito e richiede una certa dosa di impegno e attenzione.

[art] can be yours. No different from falling in love with a song, one may fall in love with a work of art and claim it as one’s own. Ownership does not come free. One must spend time with it; visit at different times of the day or evening; and bring to it one’s full attention. The investment will be repaid as one discovers something new with each viewing — say, a detail in the background, a person nearly cropped from the picture frame, or a tiny patch of canvas left unpainted, deliberately so, one may assume, as if to remind you not to take all the painted parts for granted.

(foto via amira_a – Flickr)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *