la famiglia Bandinelli

picasso-famiglia-soler
Pablo Picasso, La famiglia Soler

Mi sembra notevole il pezzo con cui Angiolo Bandinelli — già più volte segretario dei Radicali, poeta e traduttore — ha inaugurato sul Foglio una nuova serie intitolata La mia famiglia, nel quale immagino che commentatori verranno chiamati a girare intorno al concetto di famiglia secondo il loro punto di vista.

Non ho motivi di odio, come Gide, per la famiglia, che però mi lascia indifferente. Ho vissuto splendidamente per cinquanta anni con una donna dalla quale ho avuto due figli, non ho mai avuto coscienza che la nostra unione costituisse una famiglia. Mi piaceva il rapporto dei sentimenti con quella donna e i miei figli, perché funzionava e mi arricchiva spiritualmente, ma sono stato sempre reticente nel costringere questo rapporto dentro un profilo istituzionale, un considerazione che anzi mi dava persino fastidio, se mai venisse evocata.

Alla fine anche Bandinelli, dopo anni, ha ceduto e inserito la sua famiglia dentro un «profilo istituzionale»:

Comunque, quella donna che mi ha accompagnato per cinquanta anni divenne mia moglie, un giorno. Con tanto di carte e firme. Nelle fotografie che ci vennero scattate in Campidoglio, si vede che lei quasi non ci credeva, il suo volto era l’immagine stessa dello stupore incredulo. Che ne sapeva di matrimonio, anche se so che in definitiva lo desiderava? Tra noi la paola amore fu pronunciata pochissime volte, l’amore è parola dai significati densi, vasti, spesso misteriosi: il nostro rapporto fu, fin dall’inizio, semplicemente un rapporto empatico. Senza bisogno di parlare, andavamo, appaiati, nella stessa direzione, senza sforzo. Mi tradì? Non lo so. La tradii? Non lo dico. Ma il mutuo rapporto di empatia, di complicità, non si smagliò di un millimetro. Mai. Chissà quante vere famiglie conoscono o vivono un simile rapporto di vicinanza, forse sono troppo impegnate a vivere come famiglia per conoscersi reciprocamente davvero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *