Clicca ‘invia’.

Stai lavorando ad un documento di Microsoft Word, o compilando un complicatissimo foglio di calcolo con Excel, quando all’improvviso il programma si blocca. Un blocco quasi sempre irreversibile: tecnicamente il programma è andato in crash — «è crashato», per usare un inglesismo. Quasi sempre la causa di ciò sta in un errore di programmazione: qualche riga di codice non corretta o un conflitto generato con pezzi di software di terze parti. All’utente però raramente interessa il vero motivo del crash, troppo impegnato com’è ad imprecare per il lavoro perso o a sperare in quella funzione che, alla riapertura del programma crashato, dovrebbe ripristinare il file cui stava lavorando — almeno fino al momento in cui qualcosa non ha funzionato correttamente.

Continue reading →