Amazon è monopolista? (continua)

Anche il premio Nobel Paul Krugman interviene sulla questione se Amazon sia o meno monopolista:

Finora Amazon non ha cercato di sfruttare i consumatori. Piuttosto, ha sistematicamente mantenuto i prezzi bassi per rafforzare la sua posizione dominante. Quello che ha fatto, invece, è stato utilizzare il suo potere sul mercato per comprimere gli editori e abbassare i prezzi che paga per i libri — da qui la lotta con Hachette. In gergo economico Amazon non ha agito, almeno finora, come un monopolista: cioè come un venditore dominante che ha potere di alzare i prezzi. Al contrario, ha agito come un monopsonista, ovvero un acquirente in posizione dominante con il potere di spingere i prezzi verso il basso.

Amazon è monopolista?

amazon_logo_RGB

Joe Nocera sul New York Times risponde ad un lungo articolo apparso sul settimanale New Republic firmato dal direttore Franklin Foer, nel quale fin dal titolo sono chiare le intenzioni: Amazon dev’essere fermato perché, a suo avviso, rappresenterebbe un monopolio. Foer introduce la questione in questi termini, fino ad invocare l’intervento delle leggi antitrust:

Piuttosto che intascare i profitti, Amazon ha reinvestito le sue entrate nel diventare più sempre più grande — nel migliorare la costruzione di centri di lavorazione degli ordini che accelerino ulteriormente la consegna dei suoi pacchetti, nelle tecnologie che cercano di ‘leggere’ le nostre menti di acquirenti e giustamente ci suggeriscono il nostro prossimo acquisto. Comprare su Amazon è così radicato nella moderna vita americana che è diventato quasi un’abitudine spensierata, e l’azienda ha raggiunto un livello di posizione dominante da meritare l’attribuzione di un’etichetta molto antica: il monopolio.
Questo termine non viene utilizzato molto di questi tempi, ma dovrebbe. Amazon è uno dei brillanti rappresentanti di una nuova età dell’oro per il monopolio, che comprende anche Google e Walmart. A differenza di US Steel, i nuovi colossi non utilizzano il loro potere per fare innalzare i prezzi. Piuttosto sono i sedicenti servi del consumatore e hanno inaugurato un’epoca di prezzi bassi per tutto: dalla TV a schermo piatto, ai tovaglioli di carta, agli smartphone.

Continue reading →